Fragibilità è un progetto finanziato dalla Regione Marche nell’ambito del Por Marche Fesr 2014/2020

Il potenziamento dei servizi alla comunità sarà  uno dei driver di sviluppo su cui punterà la Strategia regionale di Specializzazione Intelligente per il periodo di programmazione 2021-2027.  L’innovazione nei servizi è infatti un settore su cui la nuova Giunta regionale  intende investire le risorse che verranno destinate a supporto dell’innovazione e del trasferimento tecnologico.  La Regione Marche, grazie alle risorse aggiuntive ottenute in seguito al SISMA del 2016,  ha già favorito la sperimentazione di alcuni modelli assistenziali innovativi per supportare la popolazione gravemente colpita nell’area del cratere.  Il progetto  Fragibilità finanziato grazie al bando regionale emanato nel 2018 per lo sviluppo e  la valorizzazione   delle imprese sociali nelle aree colpite dal terremoto,  mostra quanto sia importante prevedere servizi di prossimità a beneficio della popolazione più fragile che risiede nelle  aree interne del nostro territorio. Fragiblità propone un modello innovativo di servizi per la domiciliarità protetta che prevede interventi domiciliari e di prossimità rivolti alla popolazione anziana che danno impulso all’imprenditorialità sociale dell’area e rappresentano un’occasione di crescita sociale e occupazionale a vantaggio delle persone che  risiedono in questi territori.

Una sperimentazione che punta anche a modellizzare l’intervento per renderlo ripetibile ed economicamente sostenibile grazie alla collaborazione di grandi imprese e di enti di ricerca. A dare vita a Fragibilità, grazie al  bando del 2018 finanziato  con risorse FESR, sono state quattro cooperative: Borgorete (soggetto capofila), Vivere Verde Onlus, Castelvecchio Service e Il Melograno, supportati dagli Ambiti Sociali Territoriali 17, 18 e 10.

Dopo una prima fase di analisi dei fabbisogni e delle fragilità si è lavorato per costruire un intervento misurato sule reali esigenze della popolazione anziana e di quel particolare territorio, per poi garantire interventi di prossimità, fisioterapia, animazione e sostegno psicologico, presenza di operatore socio-sanitario, sostegno per la spesa, consegna farmaci a domicilio, disbrigo di pratiche burocratiche ed altro ancora. Il tutto con il supporto della tecnologia. Ovviamente, a causa del Covid molti di questi servizi sono stati rimodulati e ugualmente garantiti con la modalità distanza a dimostrazione di quanto sia  importante in questo settore prevedere modelli di intervento quanto più personalizzabili e adattabili alle diverse esigenze e necessità che si possono manifestare nel tempo.

A sostegno del progetto Fragibilità è stato realizzato uno speciale su Sibilla le voci della ricostruzione andato in onda su ÈTv Marche e visionabile al seguente link.

Categoria: 
Bandi
News
S3