Marche Innovazione

Portale dell'innovazione nella Regione Marche

Smart Specialisation Strategy

PATTO PER L’EXPORT, una guida per partire: Strumenti e servizi pubblici a portata di PMI

PATTO PER L’EXPORT, una guida per partire: Strumenti e servizi pubblici a portata di PMI

Il Patto per l'Export è una delle misure disponibili per aiutare le imprese italiane ad esordire o continuare a operare all'estero.

Il Patto prevede una nuova strategia per l’internazionalizzazione del nostro sistema produttivo. Una strategia di sostegno pubblico alle imprese che si affacciano sui mercati internazionali, che potrà contare su risorse straordinarie messe a disposizione dal Governo per imprimere al sistema produttivo un nuovo slancio.

All’incontro alla Farnesina hanno partecipato oltre al Governo i principali enti preposti al sostegno all’internazionalizzazione del sistema produttivo (tra cui Agenzia Ice, Gruppo Cdp-Sace-Simest, Invitalia e Commissario generale per EXPO Dubai 2020), Confindustria e circa 20 associazioni rappresentative del sistema imprenditoriale.

In concreto, il Patto è un vero e proprio accordo che recepisce sinteticamente le istanze delle associazioni di categoria (dal settore agroalimentare alla meccanica, dal sistema fieristico a quello infrastrutturale, passando per il comparto dell’innovazione, della salute e dei servizi all’export) e verrà realizzato dalla Farnesina, grazie anche alla rete diplomatico consolare, da ICE Agenzia e dal Gruppo CDP-SACE-SIMEST

È emersa una generale convergenza di vedute su alcune linee d’intervento prioritarie, che sono confluiti negli assi strategici del Patto:

  1. Comunicazione: campagna di “nation branding”, che sarà realizzata da ICE-Agenzia, con l’obiettivo di rilanciare l’immagine dell’Italia, con particolare attenzione al turismo;
  2. Promozione Integrata: iniziative con arte contemporanea, cinema e audiovisivo, spettacoli dal vivo, editoria, cucina, design, scienza ed innovazione, occasione di visibilità per imprenditori, professionisti e creativi italiani e di conoscenza del Made in Italy per il pubblico internazionale;
  3. Formazione/informazione: strumenti per le imprese, tra cui un e-book, l’e-desk, TEM (Temporary Export Manager) e DEM (Digital Export Manager;
  4. Sistema fieristico: ammodernamento del sistema fieristico, attraverso una parziale digitalizzazione delle fiere e la creazione di piattaforme per incontri B2B virtuali;
  5. Commercio digitale: ampliamento degli accordi con le piattaforme di e-commerce internazionali;
  6. Finanza agevolata: centralità degli strumenti finanza agevolata per le strategie di crescita e internazionalizzazione delle PMI e delle imprese start-up.

Per maggiori informazioni consultare l’ebook export una guida per partire.

 

 

Categoria: 
News